canto liturgico

messenger

Iscriviti alla nostra newsletter

Non siamo una scuola, non siamo un’accademia di canto liturgico, siamo un laboratorio musicale. Cosa significa?

Vogliamo istruire i nostri iscritti con i migliori docenti ponendo attenzione ai valori ed alle qualità personali, mantenendo calore, amore per questa materia. Il canto non è solo tecnica, seppur necessaria.

E’ anche la voce della nostra anima. ”Canta, chi ama!

 

Leggi le recensioni →

info@musicaliturgicalab.it

Compila il form →

Spartito: "Ti aspetto"

2022-10-21 18:02

don Antonio Parisi

Paniere musicale, Avvento,

Spartito: "Ti aspetto"

Scopri di più

TI ASPETTO

Testo: Anna Maria Galliano

Musica: Antonio Parisi

Uso liturgico: Avvento / Comunione

Forma: strofico

Ci sono alcuni testi non soltanto liturgicamente adeguati, ma poeticamente sublimi. Questo canto appartiene a questa categoria.


È un canto strofico diviso in due sezioni; la prima parte fa riferimento all’attesa tipica   dell’Avvento (Ti aspetto) e poi individua delle situazioni in cui vive l’uomo (ultima speranza / notte che avanza / silenzio abissale / morte che sale / guerra stellare). 
La seconda parte ripete le stesse parole (e so che verrai dal profondo mistero che interroga il mondo) e poi una serie di espressioni che si riferiscono al Dio che viene (Sorriso di Dio / Splendore di Dio / Parola di Dio / Figlio di Dio / Pace di Dio). 

 

Un testo teologicamente profondo e immenso; immagini splendenti che procurano emozioni sincere.

La musica fa risaltare tutte le parole che descrivono l’attesa, iniziando dal do sotto il rigo in maniera calma e intensa e man mano che sale la melodia, fino ad arrivare al grido del verrai reso più intenso dalle tre voci e dalla modulazione improvvisa in re bemolle che poi ritorna al fa maggiore iniziale. 

 

L’accompagnamento organistico segue le voci e le sostiene armonicamente, abbastanza bene. Essendo un canto strofico, ho ritenuto opportuno introdurre degli interludi tra una strofa e l’altra (4 battute), quasi a voler interiorizzare meglio il testo appena cantato. Il canto poi si conclude con un finale più elaborato.

 

La musica evidenzia in maniera indovinata la poeticità di questo testo; aiuta la penetrazione di un testo profondo ed elevato. 
L’assemblea può ascoltarlo in silenzio, oppure un’assemblea più preparata musicalmente potrebbe intervenire sull’ultimo rigo delle singole strofe.   

 


facebook
instagram

© Musica Liturgica Lab P.IVA 04165980758. Tutti i diritti sono riservati. Privacy policy. Termini e condizioni, Sito Web by Pronto Studios

Come creare un sito web con Flazio