Acquista a soli 25 euro un corso sul canto liturgico che vale 297 euro!
Promo valida fino al 30 giugno.

il vantaggio di una nota falsa un apprendimento per ricreare noi stessi

Vi racconto cosa mi è accaduto ieri, mentre mi cimentavo al pianoforte, strumento che ho la possibilità di suonare solo quando vado a trovare i miei genitori; mentre suonavo ho preso delle “note false “ ed immediatamente mi è venuta alla mente l’espressione del viso della mia insegnante di pianoforte soprattutto quando eravamo in procinto di preparare il saggio finale di fine anno: alzava il sopracciglio, si toccava il naso, stringeva le labbra e, facendo forza su tutta la sua volontà, mi diceva: non ti preoccupare Daniela, quando sbagli continua, riprendi, non ti fermare, il pubblico non se ne accorgerà; io, invece, dopo la pessima figura, sentivo il calore sulle gote, e il desiderio irrefrenabile di smettere, alzarmi da quello sgabello girevole, prendere le pattine, si mi faceva mettere le pattine per non lasciare le impronte delle mie scarpe sul pavimento , e sgattaiolare via dalla porta in tutta fretta; avevo sette anni

Il saggio era alle porte ed io sbagliavo; brrrrrrr; sentivo addosso tutta la responsabilità del risultato

D’istinto dinanzi all’errore fuggiamo o neghiamo o, se proprio costretti, lo riconosciamo ma lo attribuiamo ad altri o alle circostanze; e le nostre emozioni ci attanagliano: fanno capolino alternandosi, a ritmo incalzante, tensione, irritabilità, paura, imbarazzo, vergogna e non sappiamo come gestirle.

Più tardi, da universitaria, ho compreso l insegnamento della mia maestra: le sue parole, benchè il suo corpo diceva tutt’altro, volevano aiutarmi a non vedere l’errore come una sconfitta, un fallimento; l’errore fa parte del gioco, significa avere il coraggio di esporsi, di provare e riprovare, di trovare un metodo per superarlo e metabolizzarlo, di dargli un altro significato: apprendimento

Come si compie questo passaggio? Lasciando la nostra zona di comfort ed entrando in quella dell’espansione: accettando e fronteggiando il disagio, stando scomodi, sperimentando insicurezza ed ansia; non appena otterremo il miglioramento, ci sentiremo nuovamente a nostro agio: in questo modo quello che ieri ci spaventava, come l’errore, diventa, oggi, normale e familiare; vuol dire che abbiamo accettato la sfida acquisendo azioni e comportamenti nuovi, abbiamo

Un ostacolo superato diventa una vittoria, un risultato per superare, in modo diverso, problemi futuri

E questo processo di apprendimento funziona non solo per il singolo, ma si riflette anche su un gruppo quale può essere un coro; diventa fautore di nuovi stimoli, di coesione, di coesistenza, di accettazione e trasformazione di un evento negativo in positivo

E ci apre alla “vulnerabilità”, ma di questo vi parlerò nel mio prossimo articolo.

A presto!

 

Daniela Pagano – Life & Career Coach